Los Alamos, Hacker e radio – 1993

Kevin Poulsen viene incolpato di impiegare il computer per modificare i risultati di concorsi promozionali presso tre stazioni radio a Los Alamos, secondo uno schema che presumibilmente doveva portare a premiare i suoi sforzi con due Porche, 20 mila dollari in contanti ed due viaggi alle Hawaii. Poulsen, già latitante per due precedenti imputazioni relative a problemi con sistemi informatici e di telecomunicazioni, viene accusato di complottare assieme ad altri due hacker, Ronald Mark Austin e Justin Tanner Peterson, per ottenere il controllo delle linee telefoniche in ingresso alle stazioni radio, in modo da sincerarsi che soltanto le loro telefonate fossero in grado di “vincere” i premi principali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *